La mostra Ayrton Magico si arricchisce di nuovi pezzi unici

  • 26 Aprile 2019
Con l’avvicinarsi delle celebrazioni del 1° maggio e a conferma del carattere dinamico della mostra, l’Instituto Ayrton Senna ha scelto il MAICC Museo Multimediale Autodromo di Imola Checco Costa per esporre la prestigiosa Lotus 98T John Player Special in occasione della mostra “Ayrton Magico. L’anima oltre i limiti”. Tante le altre novità messe in atto negli ultimi giorni, che vanno ad arricchire l’offerta della mostra.
 

La Lotus 98T John Player Special, la vettura guidata da Ayrton nel Campionato del Mondo 1986, arriva a Imola per aggiungersi alla preziosa esposizione della mostra “Ayrton Magico. L’anima oltre i limiti. È con questa grande novità che il MAICC si prepara a vivere il suo primo Ayrton Day dalla riapertura del 10 aprile scorso: un pezzo unico concesso per l’evento dall’Instituto Ayrton Senna al museo a testimoniare non solo il legame tra le due realtà, ma anche per premiare il grande successo della mostra, che in 15 giorni ha già ottenuto un ottimo riscontro di pubblico.

Il nuovo cimelio sarà visibile a partire da domenica 28 aprile. Nella stessa giornata, l’Instituto Ayrton Senna sarà protagonista anche di un importante momento istituzionale: alle 10.30 infatti, il CRAME, il Club Romagnolo Auto e Moto d’Epoca, da sempre impegnato in progetti di grande valore sociale, ufficializzerà la sua donazione all’Instituto, per continuare il lavoro di sostegno ai bambini brasiliani. L’Instituto Ayrton Senna, nato dalla volontà del pilota brasiliano di prendersi cura dei bambini e dei ragazzi del suo paese, è stato fondato da sua sorella Viviane sei mesi dopo il tragico incidente del 1994. Da allora Viviane Senna Da Silva è la presidente dell’Instituto, riconosciuto dalle Nazioni Unite e premiato a livello internazionale, avviando per milioni di giovani brasiliani programmi d’aiuto su diversi fronti. Ad oggi, sono più di 18.000.000 i ragazzi aiutati dall’Instituto, che ha sedi in tutto il mondo e che in Europa è rappresentata da Claudio Giovannone (Padrino per l’Europa dell’Instituto Ayrton Senna). A presenziare all’evento di domenica 28 aprile, per ricevere ufficialmente l’assegno virtuale del CRAME, in assenza di Giovannone, impossibilitato ad esserci per problemi di salute, sarà presente il suo braccio destro, l’architetto Piergiorgio Pascolati.

Oltre alla Lotus di Senna, sono diverse le novità che in questi ultimi giorni gli spettatori hanno potuto osservare visitando la mostra, definendone ancora una volta il carattere altamente dinamico e immersivo. Dai video rinnovati e sempre più emozionali all’installazione di tavoli touchscreen che permetteranno allo spettatore di spulciare tra i ricordi del pilota brasiliano. Un continuo rinnovamento che arriva in tempo per il grande appuntamento di mercoledì 1° maggio, quando Imola ospiterà l’Ayrton Day, giornata celebrativa dedicata al campione brasiliano a 25 anni dalla sua scomparsa.

X